italiano

Proposta per uno sciopero globale dei lavoratori con bici e moto per il 1° Maggio 2022

Atene, Grecia

Apriamo la strada al primo sciopero internazionale dei lavoratori con bici e moto.

… e se la strada è chiusa, sarà la lotta a liberarne il sentiero…

Sono passati 136 anni dalle giornate di Chicago nel 1886 e la rivendicazione per un lavoro stabile, condizioni di lavoro dignitose e un salario che soddisfi i nostri bisogni reali si ripresenta in modo assillante. Il capitale e i governi che ne servono gli interessi hanno riportato l’intera classe lavoratrice a livello mondiale al 1800. Parlando dello stato greco, questa regressione senza freni si riflette in tutti i settori del lavoro e della vita quotidiana:

  1. La Grecia è uno dei pochi stati membri dell’U.E. nei quali il potere d’acquisto del salario medio netto si è abbassato nel corso del 2020. Allo stesso tempo, è l’unico stato membro nel quale il salario medio netto è più basso rispetto a quello del 2010.
  2. Molti di noi lavorano sette giorni su sette senza giorno di riposo e gli straordinari non vengono pagati.
  3. Il costo della vita e le tasse mettono sempre più pressione sulla classe lavoratrice.
  4. Gli incidenti sul lavoro ricordano i bollettini di guerra, con 33 morti solamente nel 2021.
  5. La legge fortemente anti-operaia Chaztidàki (4808/21) tenta di proibire gli scioperi e la difesa degli scioperi e di schedare i membri dei sindacati al fine di indebolirli. Inoltre, legalizza il lavoro straordinario non pagato, scioglie il SEPE [Ispettorato al lavoro], chiude un occhio ai licenziamenti politici dei sindacalisti e abolisce la domenica come giorno festivo.

Un invito da Atene al mondo

Colleghi e colleghe, la Fabbrica globale della distribuzione, la cui invisibile linea di produzione ci unisce tutti quanti, è in costante espansione. Intrappolati nei suoi ingranaggi ci siamo noi, milioni di lavoratori, che parliamo tutte le lingue del mondo e trasportiamo innumerevoli prodotti per conto di migliaia di padroni. Condividiamo le stesse pene, le stesse ansie e gli stessi bisogni. Siamo le formiche di questa gigantesca fabbrica. Lavoriamo per il gigante, e allo stesso tempo ne scaviamo la fossa. Le nostre lotte sgorgano come fontane da questo terreno, e ciò che pretendiamo ci accomuna tutti: NON VOGLIAMO PIÙ VIVERE COME SCHIAVI. Per questo motivo puntiamo a uno sciopero per la domenica del 1° maggio 2022 in tutte le città d’Europa e del mondo. Vogliamo che l’invisibile linea di produzione della fabbrica mondiale della distribuzione che ci tiene tutti legati, si fermi nello stesso momento nelle piccole e nelle grandi città. Che i colleghi di tutto il pianeta si incamminino sulla strada della lotta.

Per la domenica del 1° maggio 2022, il nostro obiettivo è di prenderci le strade nelle quali lavoriamo tutti i giorni, le strade della nostra lotta quotidiana. Le nostre azioni possono essere coordinate a livello globale, perché il terreno è già stato seminato. E poiché lo sfruttamento non conosce confini, non c’è più niente ormai che possa dividerci e frapporsi tra noi. La resistenza costante, parallela e coordinata, ai governi che servono gli interessi dei potenti, delle piccole, medie e grandi imprese, ma anche dei giganti multinazionali in tutta Europa e in tutto il mondo, è di vitale importanza per i nostri diritti e per le nostre vite quotidiane.

Fratelli e sorelle, lavorare per le piattaforme non differisce in alcun modo dal “tradizionale” lavoro di distribuzione dei corrieri e dei fattorini. Viene intenzionalmente e falsamente presentato come “differente” perché ciò risulta funzionale agli interessi delle grandi imprese e delle multinazionali. È un trucchetto da quattro soldi, e tuttavia largamente propagandato, che serve a trasferire tutti i costi del lavoro direttamente sulle spalle dei lavoratori, massimizzando i profitti per le imprese e minimizzando le spese.

Fratelli e sorelle, non siamo sacrificabili. Dobbiamo mettere fine agli “incidenti” sul lavoro. Il lavoro salariato assomiglia sempre più a una guerra di trincea, nel momento in cui all’intensificazione dei ritmi di lavoro si unisce la mancanza di igiene e di sicurezza, orari estenuanti, doppi turni, assenza di pause, mancanza dei mezzi di protezione personale, paga in nero e totale arbitrio da parte dei padroni.

Chi lavora in moto o in bici deve essere inquadrato all’interno di una professione usurante, perché il nostro lavoro è difficile, pericoloso e insalubre. Lavoriamo per strada, gli incidenti sul lavoro sono estremamente frequenti, siamo costantemente esposti alle intemperie, ai difetti della strada, al rumore incessante e allo smog. Siamo un gruppo ad alto rischio per tutta una serie di patologie muscolo-scheletriche e non solo.

 

La lista di rivendicazioni che proponiamo è la seguente:

  1. Assicurazione da professione usurante per tutti i lavoratori in bici e in moto.
  2. I contratti di lavoro devono essere a tempo indeterminato e con pieni diritti, assicurazione e salario per tutti i lavoratori delle piattaforme e non.
  3. Bici e moto devono essere fornite dall’azienda.
  4. Gli zaini di ogni tipo devono essere rimossi dalle spalle dei lavoratori, bici e moto devono essere dotate di una componente cargo.
  5. I telefoni di lavoro e i contratti internet devono essere forniti dall’azienda a tutti i lavoratori.
  6. Le imprese tradizionali e le piattaforme devono fornire ad ogni lavoratore tutti i mezzi di protezione personale, tra cui casco, scarpe, vestiti adatti a tutte le condizioni atmosferiche.

Riteniamo che questa lista di rivendicazioni affronti problemi comuni a tutti noi, ma si capisce che ogni lavoratore, collettivo o sindacato può aggiungere le proprie rivendicazioni a seconda delle condizioni specifiche e ai problemi di ogni zona.

Mentre aspettiamo che le assemblee discutano la proposta, rispondano e partecipino, diffondete la parola, diffondete l’ottimismo.

Vi invitiamo a discutere ed elaborare la nostra proposta e le nostre idee per il 1° maggio 2022. Aspettiamo di sentire le vostre idee e le vostre proposte al più presto. Vi preghiamo di contattarci con le vostre risposte all’indirizzo mail: [email protected]

 

Lottiamo oggi per l’impossibile, per evitare un impensabile domani.

 

Sindacato di Base dei Lavoratori con Bici e Moto (fattorini, corrieri, lavoratori esterni) (S.V.E.O.D.)

Gennaio 2022

 

16 Ιανουαρίου, 2022
ΘΕΜΑΤΙΚΕΣ / TAGS
ΣΧΕΤΙΚΑ ΜΕ ΤΟ ΣΩΜΑΤΕΙΟ
Πως λειτουργεί η Συνέλευση Βάσης Εργαζόμενων Οδηγών Δικύκλου, τι είδους συνδικαλισμό προωθεί και ποιές είναι οι διαφορές της από τα παραδοσιακά σωματεία;

Οι διαδικασίες μας είναι αμεσοδημοκρατικές και δεν προωθούμε ούτε ιεραρχίες ούτε κάθετες ιεραρχικές δομές. Πιστεύουμε και αναδεικνύουμε τις ικανότητες κάθε συναδέλφου και δεν αναγνωρίζουμε πεφωτισμένους ηγέτες και πρωτοπορίες. Διαβάστε αναλυτικά εδώ

ΤΡΟΠΟΙ ΕΠΙΚΟΙΝΩΝΙΑΣ
Τρόποι επικοινωνίας με το σωματείο

Διεύθυνση: Σκυλίτση 10, Τ.Κ. 114 73, Aθήνα
E-mail: [email protected]
Τηλέφωνο: 6946747244

Πότε βρισκόμαστε:

Κάθε Σάββατο στις 6 το απόγευμα διεξάγονται προπαρασκευαστικές συζητήσεις όπου σκιαγραφούμε διαθέσεις και καταθέτουμε ιδέες, προτάσεις και στρατηγικές προς συζήτηση.
Οι τακτικές μας συνελεύσεις γίνονται την πρώτη Κυριακή κάθε μήνα στις 6. Κάθε Τρίτη το σωματείο παραμένει ανοιχτό από τις 6 μέχρι τις 8, για να γνωριστούμε με νέους συναδέλφους.

INTERNATIONAL STRUGGLES

A selection of texts, material, analysis in other languages:

ALL languages HERE or select a language: EN | IT | PT | DE | ES